I racconti di R come Romance

Ecco tutti i racconti pubblicati sul sito.

Puoi inviare il tuo racconto qui, dopo esserti loggato/a
Devi ancora registrarti al sito? Puoi farlo qui


Sarò tua amica Lisa Sarò tua amica

Sarò tua amica

Dieci anni erano pochi per amare - dicevano gli adulti - ma io non ricordavo giorno della mia vita appena sbocciata privata della certezza che saremmo rimasti insieme per sempre.

  • Racconto N° 44
  • 0.0/5 di voti (0 voti)

DALL'ALTRA PARTE DEL FIUME ADELE DALL'ALTRA PARTE DEL FIUME

DALL'ALTRA PARTE DEL FIUME

“ Dall’altra parte del fiume” è la storia di un’amicizia fiorita sulle sponde del Gave, a Lourdes. Un rapporto intessuto di preghiera e gesti delicati, animato dalla speranza di dar vita ad una relazione inedita, che non si sporcasse delle cose della terra. Una relazione che si è infranta contro gli scogli della vita di ogni giorno, quella che non fa sconti a nessuno.

  • Racconto N° 43
  • 0.0/5 di voti (0 voti)

IL NIDO Ester Sofia Ricci

IL NIDO

La vita nei campi è dura, difficile e faticosa... Il destino però ha sempre in serbo qualcosa di magico per chi crede fortemente nella semplicità dell'amore.

  • Racconto N° 42
  • 0.0/5 di voti (0 voti)

"QUAM PULCHRA ES - CARAVAGGIO INNAMORATO" Gaetano

Di Caravaggio ci è stata sempre raccontata la tempestosa vicenda umana di pittore geniale e maledetto, mentre ci si è poco soffermati, dai suoi primi biografi a quelli moderni, sulla sua storia d’amore.

 

  • Racconto N° 41
  • 0.0/5 di voti (0 voti)

UN INCONTRO PER TUTTA LA VITA Ermelinda Bove UN INCONTRO PER TUTTA LA VITA

Ero depressa, non uscivo più; suonavo la chitarra inventando musica per delle canzoni inedite che scriveva mio padre. Non provavo interesse per nessuna cosa, ormai vivevo in un mondo tutto mio per un amore platonico

  • Racconto N° 40
  • 0.0/5 di voti (0 voti)

Amore senza fine Margherita De Simone Amore senza fine

Amore senza fine

Quanti anni hai?  Il viola dei tramonti  è la mia età.  Il viola è il mio esilio.  Il viola è il momento delle valigie. E’ viola  l’addio fuori da un albergo. Il viola è il tormento. Il viola non è baratto.

 

Il viola pretende, pretende il cuore, non  ridà più  indietro il tempo.

 

Il viola è il  demone, che  tatua la  fantasia sulla pelle della realtà. Il viola è il mio privilegio. Il viola è il mio risentimento. Il viola è l’altrove. Il viola è l’amore.

  • Racconto N° 39
  • 0.0/5 di voti (0 voti)

FAMIGLIA BOVE: UNA VERA STORIA D'AMORE Ermelinda Bove FAMIGLIA BOVE: UNA VERA STORIA D'AMORE

Questa che sto per raccontarvi, è una storia realmente accaduta e molto affascinante. E' iniziata nell'anno 1880 a Milano, quando si unirono in matrimonio una ragazza di nome Mina e Vito Bove, il mio bisnonno. Lei era molto ricca e lui era un console proveniente da una famiglia nobile.

  • Racconto N° 38
  • 0.0/5 di voti (0 voti)

IN UNA QUALUNQUE LIBRERIA Francesca Tombari IN UNA QUALUNQUE LIBRERIA

Un'infinita onda cremisi ricopriva l'orizzonte.

Il caldo soffocante della giornata iniziava a disperdersi fra le strette vie di Roma, inghiottita dalla notte che stava nascendo.

I bar alla moda richiamavano giovani in cerca di emozioni, la musica riempiva i vuoti di visi in cerca di sorrisi, poche parole, ma tanto baccano, la solitudine di tanto in tanto impallidiva lasciando spazio ad un palpito, ad uno sguardo, ad un saluto.

  • Racconto N° 37
  • 0.0/5 di voti (0 voti)

Estate e voglia di partire Giovanni Di Saverio Estate e voglia di partire

All’orizzonte ecco comparire due figure. Vengono certamente da molto lontano e si avvicinano lentamente trascinando a stento i propri passi. Procedono l’uno di fianco all’altro e lasciano che i loro occhi stanchi vadano a morire oltre il colle e più in là ancora. Si avvicinano all’abitato del paese senza proferire parola alcuna. Sono entrambi taciturni, così come taciturna li accompagna quella sera, che immortala le loro ombre nella luce arancione di un incantevole tramonto estivo.

  • Racconto N° 36
  • 0.0/5 di voti (0 voti)

Naufragio di una notte di mezza Estate Giovanni Di Saverio Naufragio di una notte di mezza Estate

Amore mio grandissimo,
questa sera non mi siederò a scrivere per te nessuna lettera d’amore, poiché troppo lontani noi due ci ritroviamo ad essere sperduti chissà dove. Eppure fino a poco tempo fa i nostri corpi l’uno accanto all’altro si stringevano sospinti da respiri invadenti di gente a noi troppo vicina che s’insinuava indiscreta a spiare la nostra intimità divenuta ormai pubblica.

  • Racconto N° 35
  • 0.0/5 di voti (0 voti)

La vita a quattro mani Adriana Ferretti La vita a quattro mani

La vita a quattro mani

«Fil, Fil, Filippo dai è ora. Faremo tardi.»

 «Mmmm…»

 «Dài su alzati.»

 «Mmmmsciuzmber.»

 Non si alza se lo chiamo così, col suo nome. Ogni mattina cerco di smettere, ma poi, ogni volta cedo per non fare tardi.

 «Dai Filippo perché fai sempre storie? Lo sai che sei tu, sempre tu.»

  • Racconto N° 34
  • 5.0/5 rating 1 vote

CERCAMI ANCORA Delilah Mercury CERCAMI ANCORA

CERCAMI ANCORA

Quanto può far soffrire un'amicizia tradita? Secondo Rebecca, anche tutta la vita. Non sa, però, che un ritorno dal passato sarà, per lei, una lezione più utile di tutte quelle cui ha assistito durante l'università.

  • Racconto N° 33
  • 5.0/5 rating 1 vote

GLI EREDI DEL TEMPO DELLE MELE Cristina Orlandi

GLI EREDI DEL TEMPO DELLE MELE

Diventare spettatore della propria vita significa sfuggire alle sofferenze della vita (Oscar Wilde)   Dovresti smetterla, Sara, con quella chat. A chi vuoi raccontarla? Non è solo un diversivo, un modo come un altro per riempire le tue serate solitarie...

  • Racconto N° 32
  • 0.0/5 di voti (0 voti)

GLI ULTIMI ATTIMI DI NOSTALGIA (E TU DORMI) Robby GLI ULTIMI ATTIMI DI NOSTALGIA (E TU DORMI)

Gli ultimi attimi di nostalgia

Una ex che torna dal passato mai chiarito, una scelta d'amore difficile. E una canzone d'amore che torna.  

  • Racconto N° 31
  • 5.0/5 rating 1 vote

NEL BUIO DELLA MENTE Roberta Brintazzoli NEL BUIO DELLA MENTE

NEL BUIO DELLA MENTE

Mi chiamo Luciana, vivo in un paese tranquillo, come la mia vita, tutta casa e ufficio.
La domenica vado a Messa. Gli unici amici che frequento sono i miei vicini di casa, Alba, Dario e il figlio Umberto. Tutti e tre lavorano all’ospedale giù in città, 50 chilometri dal paesino in cui abitiamo. Fanno dei turni stranissimi per cui non sono mai a casa tutti e tre contemporaneamente. Col mio titolare e le colleghe invece ho dei rapporti molto cordiali, ma iniziano e finiscono fra le pareti dell’ufficio.

  • Racconto N° 30
  • 3.8/5 di voti (9 voti)

ONDA INFINITA Lily Carpenetti

ONDA INFINITA

Questo è il seguito dell'ebook Onda d'Amore, pubblicato da Delos Digital nel 20015. Cosa sarà successo ad Aria e Zeno con il passare del tempo? Se siete curiosi di scoprirlo, ecco il seguito ideale, ma vi conviene leggere prima Onda d'Amore; potete trovare un estratto anche su questo sito.

  • Racconto N° 29
  • 2.0/5 rating 1 vote

L'ODORE SULLA PELLE FFLuna L'ODORE SULLA PELLE

L'ODORE SULLA PELLE

Uscì di casa senza fare la doccia. Indossava gli stessi vestiti del giorno prima, compreso il completo intimo di pizzo nero impregnato dei suoi umori e dell’odore di lui.L’odore di lui.A ogni passo le solleticava le narici.

  • Racconto N° 28
  • 4.0/5 di voti (5 voti)

COMPAGNE Cristina Orlandi COMPAGNE

COMPAGNE

7 maggio 2014
Lo so, sono diversa. Nel senso che vivo in una condizione difficile e anomala.
Ma non è stata una mia scelta. Cioè, non sono stata io a decidere di essere una moglie tradita.

  • Racconto N° 27
  • 5.0/5 rating 1 vote

TUTTA COLPA DI MAURO Sarah Pellizzari Rabolini TUTTA COLPA DI MAURO

TUTTA COLPA DI MAURO “Aldo, ripetimi bene come sono andate le cose, ti prego”. La signora Clelia, ora vedova Landini, non si dava pace. Nella camera mortuaria dell’ospedale di Busto Arsizio, Aldo Marchetti era andato con la consorte a porgerle le condoglianze: il dottor Mauro Landini, direttore di banca, da un paio d’anni trasferito alla filiale di piazza Cavour a Como, più di trent’anni di onorato servizio, era morto improvvisamente.
  • Racconto N° 26
  • 4.0/5 rating 1 vote

CHANEL NR. 5 Cristina Orlandi CHANEL NR. 5

CHANEL NR. 5

Infelice. Tu, Carlo, credi che questa strana parola stia a indicare uno stato di disagio, o di vero malessere. Immagini sia adatta a gente che urla, lancia piatti, beva, dilapidi lo stipendio in giochi d’azzardo. Non ti passa mai per la mente che anche la tua famiglia sia infelice. Hai dimenticato di esser tu stesso infelice, a causa di tua moglie, che fa scenate se tu rientri tardi dal lavoro, o se non le fai la spesa il sabato. Per quieto vivere, hai imparato a non contraddirla, a essere in linea di massima presente. Apparenze salvate a oltranza.

  • Racconto N° 25
  • 3.3/5 di voti (3 voti)

Seguiteci su

R come Romance
Edizioni del Loggione srl
Sede legale: Via Paolo Ferrari 51/c - Modena - Italy
P.Iva:03675550366


Sito realizzato da Damster Multimedia